Bonus baby sitter per Corona Virus

Reading Time: 4 minutes

Attenzione: il bonus in questione non è più attivo. La sua ultima data di scadenza  per poterne usufuire è stata il 31 Agosto 2020

La pandemia sta determinando grandi problemi non solo sanitari, e fortunatamente sembra ci si trovi una una fase discendente per quanto concerne la diffusione del virus; infatti, adesso il problema si è spostato dal fronte sanitario a quello economico e lo Stato sta provando a dare fiato alle famiglie italiane che stanno vivendo una situazione difficile sia economicamente che socialmente affinché si possano mitigare, per quanto possibile, gli effetti devastanti che stiamo affrontando e che ahimé non saranno facilmente superabili.

Il lento ritorno alla normalità implica il rientro al lavoro da parte dei genitori; purtroppo se hanno figli si trovano a dover fronteggiare la necessità di lasciarli a casa da soli a causa della chiusara delle scuole oltre che dei centri estivi; ci si augura e lo speriamo vivamente, che a Settembre queste riapriano regolmante consentendoci l’agoniato ritorno alla normalità.

Ma come possiamo sopperire a questo problema dato che anche chi ha la fortuna di avere dei nonni non può sicuramente rivolgersi a loro proprio per limitare i contatti e quindi la diffusione del virus?

Bonus Baby sitter come funziona?

Bonus Baby sitting come funziona, cos’è?

Il Governo per aiutare le famiglie italiane a superare questa fase molto delicata del rientro a lavoro con i figli a casa ha lavorato per emenare delle forme di sostegno al reddito di cui i genitori si possono avvalere;

Per la seconda opzione vi consigliamo la sezione dedicata consultabile cliccando sul seguente link dove sono ricapitolate le caratteristiche e le modalità per usufruirne.

Per quanto concerne il Bonus Baby sitting il Governo, con il Decreto Rilancio, ha deciso di raddoppiarlo per tutti i genitori contribuenti che dovendo rientrare al lavoro, ne possono usufruire. Vediamo in quali casi:

      • Entrambi i genitori sono lavoratori (sia dipendenti che autonomi o parasubordinati iscritti alla gestione separata INPS);
      • Hanno figli in età scolare fino a 12 anni;
      • E’ alternativo al congedo Covid-19.
      • L’altro genitore non deve essere né disoccupato né tanto meno non lavoratore ma può trovarsi nella condizione di lavoratore in Smart Working;
      • L’altro genitore non deve essere beneficiario di forme di sostegno al reddito nel caso si ritrovi in una fase di sospensione dal lavoro o cessazione dell’attività.

Hanno diritto al bonus sia i genitori naturali che tutti i genitori che hanno adottato dei bambini;in questo ambito non esiste naturalmente differenziazione.

Bonus baby sitting a quanto ammonta?

Il bonus da diritto, per ciascuna famiglia anche in presenza di più figli, ad una cifra pari a 1200 euro per tutte le tipologie di lavoratori; questo limite è innalzato a 2000 euro per medici, sanitari, operatori sanitari ed operatori del comprato sicurezza che più delle altre categorie stanno contrastando in prima linea la diffusione di questo virus e per questo sono costretti ad affrontare, in talune circostanze, orari di lavoro ben oltre le normali ore previste da contratto collettivo di lavoro.

Bonus baby sitter covid-19: come e dove presentare domanda

Per procedere alla richiesta del Bonus dovreste essere minuti di PIN DISPOSITIVO e potreste procedere autonomamente collegandovi al piattaforma del sito dell’INPS mediante il seguente link.

A tal proposito per facilitare l’accesso e la compilazione autonoma da parte del genitore alla domanda di richiesta della prestazione, l’INPS ha messo a disposizione una guida pdf  (sotto riportata) che vi indica dettagliatamente tutti i passaggi da seguire all’interno della piattaforma dell’ente oltre che a fornire indicazioni dettagliate sui dati da inserire.

Tutorial_DomandaBonusBabySitting

Come al solito sono comunque disponibili i tradizionali canali per presentare la domanda: rivolgendosi ad un CAF, alla sede INPS di competenza, dove potrete compilarala cartaceamente, oppure chiamando al 803164 da rete fissa o 06164164 da rete mobile.

Siate coscienti che la richiesta di prestazioni e la sua seguente approvazione da parte dell’ente non vi da diritto a ricevere l’ammontare stabilito ma ad aprire un Libretto telematico chiamato “Libretto Famiglia” sul quale vi verrà erogata la somma che potrete digiditalmente, a fronte della prestazione esercitata dalla vostra baby sitter, versare nominativamente sul conto della stessa. Quest’ultima poi provvederà, avendo aperto a sua volta il Libretto Famiglia come baby sitter, a riscuotere le somme presenti una volta disponibili sul conto.

Chi può essere la baby sitter

Il decreto non identifica del personale che risponda a determinati requisiti specialistici o che abbia dei titoli particolari ma parla di persona fidata che o è regolarmente assunta oppure da utilizzare occasionalmente come lavoratore da retribuire mediante questi voucher digitalizzati.

In questa ottica possono configurarsi come baby sitter anche i nonni, i parenti o gli amici di famiglia che se disponibili (può rappresentare una forma di reddito alternativo per quelle persone che possono aver perso il proprio posto di lavoro a causa del virus), possono esercitare questa attività e quindi possono procurarsi un reddito alternativo prestando un servizio utile per la famiglia.

Quanto ti è piaciuto questo articolo?

Valutazione media

4.4
4,4 rating
4.4 out of 5 stars (based on 83 reviews)
Excellent72%
Very good13%
Average4%
Poor1%
Terrible10%

Home                                                                                                        Congedo parentale

Lascia un commento